«REALIZZARE I PROPRI SOGNI È POSSIBILE»

La lezione in inglese di due cestisti americani del Legnano Knights agli studenti del Liceo sportivo “Marco Pantani” e del Liceo internazionale “Olga Fiorini”

Dic012014

«Realizzare i sogni è possibile: inseguiteli con passione». Parola di Ousmane Krubally, giocatore americano del Legnano Basket Knights, che insieme al connazionale e compagno di squadra John Merchant III ha tenuto stamattina una lezione, in lingua inglese, agli studenti del liceo sportivo “Marco Pantani” e del Liceo internazionale per l’Innovazione “Olga Fiorini”.

Davanti agli oltre 100 alunni delle classi seconde e terze dell’istituto di via Varzi, che aiuta i ragazzi a coniugare l’impegno scolastico con quello agonistico, i due atleti hanno parlato della loro esperienza, soffermandosi in particolare sul rapporto tra scuola e sport, centrale negli Stati Uniti. Merchant, arrivato nei mesi scorsi da New York, dove si è laureato al Dowling College, ha infatti coltivato per lungo tempo entrambe le passioni: il suo sogno era quello di insegnare e per questo ha cercato di «conciliare lo studio e il basket, per migliorare sia come studente sia come sportivo». Krubally ha invece sottolineato l’importanza dell’università, dove «avrete la responsabilità di gestire la vostra vita: sono diventato ciò che volevo essere proprio grazie all’università». Lo studio, del resto, rimane fondamentale anche per chi ha tutte le doti necessarie per diventare un giocatore professionista: «Io ho conseguito un diploma in marketing: l’esperienza sportiva può finire ed è perciò importante avere in mano un titolo di studio».

Da qui il messaggio rivolto agli studenti dal coach del team legnanese, Mattia Ferrari: «La vostra è l’età più bella per decidere che cosa siete: bisogna avere la forza di alzarsi e di dire che cosa si è e si vuole». Questo l’incitamento arrivato dall’allenatore, invitato insieme ai due cestisti dall’insegnante Sara Ciapparella, coordinatrice del liceo “Pantani”.

Entrambi gli atleti della società biancorossa di serie A2 hanno quindi posto l’accento sul valore dello sport di squadra, dove «bisogna saper sacrificare se stessi per il gruppo: per avere successo in squadra occorre rispettare i propri compagni: il successo del team è il successo di voi stessi. Godetevi i valori dello stare insieme».  Gli ha fatto eco Krubally: «Essere dei singoli, degli individui, è la cosa più facile: più difficile è diventare una squadra, sacrificandosi a favore degli altri per essere un “noi”. Ci vorrà del tempo, ma imparare a stare insieme è la cosa fondamentale per vincere».

Anche una sconfitta, però, può essere in un certo senso una vittoria, perché «la vostra persona migliora se capite il motivo per cui avete perso». In altre parole, ha continuato il giocatore, «di fronte a un insuccesso avete due scelte: o demoralizzarvi oppure cogliere l’occasione per migliorare». In questo senso, «lo sport insegna come affrontare la vita, che a volte va bene e altre volte va male».

Della stessa opinione Merchant: è importante cercare la vittoria, che «dipende dall’impostazione mentale con cui si affronta la partita», ma «anche perdere vuol dire imparare, che è il miglior aspetto del gioco. E questo vale sia nello sport sia nella vita, per essere uomini e donne migliori».

Gli studenti sono stati poi coinvolti in una lezione pratica di basket, tenuta da Ferrari, che non ha mancato di dispensare preziosi consigli ai ragazzi: «Per apprendere in modo corretto un gesto tecnico, in qualsiasi sport, occorre la stessa fatica necessaria per imparare una formula di chimica. Se riuscite quindi a far diventare un lavoro ciò che più vi diverte, siete fortunati, ma occorre sacrificio». Un sacrificio che consente, però, di realizzare i propri sogni, come hanno testimoniato i due atleti intervenuti.

  • acof

    ACOF è una realtà formativa tra le più ricche e significative presenti in Nord Italia.

  • maternainglese

    Scuola per l'infanzia e scuola primaria "English School" nata per dare ai bambini l'opportunità di apprendere la lingua inglese in modo semplice e naturale.

  • montessori

    La Scuola Montessori di Castellanza è impegnata nella diffusione del pensiero e della pratica montessoriana.

  • scuola superiore

    L'offerta di ACOF per l'assolvimento dell'obbligo di istruzione presenta percorsi scolastici e sperimentali di istruzione e formazione professionale

  • formazione

    Ente di formazione Accreditato in Regione Lombardia per l'erogazione di Servizi formativi e Servizi al lavoro, copre una vasta area di interventi formativi e di accompagnamento per diverse tipologie di destinatari

  • aziende

    ACOF Aziende supporta lo sviluppo delle organizzazioni e dei professionisti attraverso gli strumenti della formazione e della consulenza.

  • spic

    La Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo Integrato e di Comunità SPIC-ACOF, riconosciuta dal MIUR, abilita all'esercizio dell'attività psicoterapeutica

  • Nido

    L'asilo nido è un servizio educativo e sociale che accoglie bambini dai 6 ai 36 mesi, integrando l'opera della famiglia, in modo da favorire un equilibrato sviluppo psico-fisico